Scheda Libro

La valutazione del paziente bipolare - Giovanni Manfredi, Isabella Pacchiarotti, Amedeo Ruberto, Paolo Girardi - Giovanni Fioriti Editore

La valutazione del paziente bipolare
Le scale di valutazione psicometrica utilizzate nella clinica e nella ricerca

Prezzo: 15 €

Autore: Giovanni Manfredi, Isabella Pacchiarotti, Amedeo Ruberto, Paolo Girardi

Casa editrice: Giovanni Fioriti Editore

Anno di pubblicazione: 2003

ISBN: 88-87319-44-8

I confini diagnostici della patologia bipolare sono in continua evoluzione e allargamento, a causa del riconoscimento di forme sfumate del disturbo. Per tale motivo è fondamentale una valutazione delle caratteristiche cliniche, di decorso e di risposta al trattamento, attraverso l'utilizzo di strumenti standardizzati che siano in grado di misurare i fenomeni in maniera ripetibile e confrontabile. Il volume illustra le scale di valutazione più comunemente utilizzate nello studio del paziente affetto da disturbo bipolare. Fino a tempi relativamente recenti, nella concettualizzazione dei disturbi dell'umore, alla visione unitaria kraepeliniana è stata contrapposta la concezione dicotomica, che tendeva a considerare mania e depressione come due entità distinte. In tal modo la patologia bipolare veniva perdendo il suo carattere essenziale di unicità e ciclicità; la depressione veniva suddivisa in diverse forme, e i suoi confini diagnostici venivano ampliati e direzionati verso alcune patologie dello spettro ansioso; di contro le forme maniacali più clamorose venivano spesso incluse nello spettro schizofrenico. Da circa dieci anni si è tornati a considerare il disturbo bipolare secondo l'ottica kraepeliniana, ampliandone i confini fino, soprattutto a opera di Akiskal, alla teorizzazione dello "spettro bipolare". In questa prospettiva, se da un lato si è assistito a un aumento delle diagnosi di disturbo bipolare, dall'altro è emersa in modo sempre più pressante la necessità di una standardizzazione nella metodologia diagnostica, al fine di evitare possibili errori di inquadramento clinico. L'utilità di questo volume risiede nell'illustrare allo psichiatra e al ricercatore i principali strumenti psicodiagnostici utilizzati nella valutazione del disturbo bipolare: la loro fruibilità sarà evidentemente migliorata. Il mio auspicio è che tali strumenti possano realmente completare le competenze cliniche di chi ne farà uso, indirizzandolo verso una maggiore obiettività nell'osservazione dei diversi aspetti del complesso spettro bipolare. Sono anche convinto che migliori competenze possano avere una benefica influenza sull'approccio clinico, nella relazione medico-paziente e quindi, sperabilmente, nella compliance ai trattamenti terapeutici, la cui difficoltà resta il problema più serio nella clinica della bipolarità. Dalla prefazione di Roberto Tatarelli Giovanni Manfredi è psichiatra, dottorando di ricerca all'Università di Roma "La Sapienza", II Facoltà di Medicina e Chirurgia, Ospedale Sant'Andrea. È attualmente impegnato nella ricerca sul disturbo bipolare e nello studio dei disturbi psichiatrici nei pazienti affetti da patologie neurologiche. Isabella Pacchiarotti è psichiatra e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, borsista all'Uni- versità di Roma "La Sapienza", II Facoltà di Medicina e Chirurgia, Ospedale Sant'Andrea. È attualmente impegnata nella ricerca sul disturbo bipolare. Amedeo Ruberto è psichiatra, docente presso la II Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Univer- sità di Roma "La Sapienza". Tesoriere dell'Associazione Italiana Lotta Allo Stigma (AILAS). Autore di numerosi volumi e articoli scientifici. Paolo Girardi è professore associato di psichiatria alla II Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Univer- sità di Roma "La Sapienza". Segretario dell'Associazione Italiana Lotta Allo Stigma (AILAS). Membro del consiglio direttivo della Società Italiana di Psichiatria Sociale (SIPS). Autore di tre volumi di interesse psichiatrico e di oltre 200 articoli scientifici.

torna indietro

torna al menu